Progetto per la sicurezza stradale, volto ad affermare e formare la cultura del rispetto delle regole e dei comportamenti corretti su strada.
 

Lo scenario

Sono circa 3 milioni le vetture che circolano in Italia senza assicurazione, pari al 6,3% del parco auto italiano, con punte di oltre il 10% al Sud.
Quelle non revisionate sono almeno il 16% a cui si aggiungono quelle rubate (oltre 147 mila l’anno).
Questa è l’allarmante fotografia presentata da ANIA, l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicurative.
Inutile ricordare come i veicoli non assicurati contribuiscano al tragico fenomeno della pirateria stradale (chi causa un incidente spesso fugge per evitare di pagarne le conseguenze, soprattutto in assenza di una copertura assicurativa), tant'è che si stimano in oltre 1.000 gli incidenti con feriti che hanno visto fuggire il responsabile.

Dove non diversamente specificato i dati ISTAT sono riferiti al 2017 e le variazioni al 2016

Il progetto

«Mettiamoci in Sicurezza» è lo «strumento» ideato per fare rete sui temi della prevenzione e della sicurezza stradale. E' una campagna sociale che si propone di dare una risposta efficace alla lotta contro il crescente fenomeno dei veicoli circolanti senza regolare copertura assicurativa e dei veicoli non revisionati. Un malcostume che incide profondamente sul senso di insicurezza dei cittadini, creando ingenti danni economici alla società e alle famiglie, per effetto dei costi generati dai sinistri che vedono coinvolti questi pirati della strada.

La rete attiva vede l'associazione IPS impegnata nel promuovere iniziative che sappiano richiamare l’attenzione delle Istituzioni, della collettività e dei media su questi temi, coinvolgendo le Polizie Locali Municipali e quanti desiderano collaborare per affermare la cultura della legalità e della sicurezza stradale.

La campagna di rilevamento

La nuova campagna di comunicazione e sensibilizzazione sulla sicurezza stradale è promossa da IPS-I Professionisti della Sicurezza, associazione senza scopo di lucro, impegnata su varie tematiche legate alla sicurezza dei cittadini nei diversi ambienti all'interno dei quali si possono trovare ad agire nel quotidiano. 

Il premio sicurezza

Il "Premio per la Prevenzione e l'Educazione sulla Sicurezza Stradale", con il patrocinio del MI e del MIT, oltre che dell'ACI, dell'ANCI e
dei Comuni e delle Province aderenti, è finalizzato a incentivare l'adesione al progetto "Mettiamoci in Sicurezza".

Eventi

“Mettiamoci in Sicurezza” a Montecorvino Rovella (SA) il 26 novembre 2019 la quarta tappa della Campagna dedicata alla sicurezza stradale e legalità

“Mettiamoci in Sicurezza”. Una nuova giornata dedicata all'Informazione e Formazione delle Polizie Locali - A Montecorvino Rovella (SA) il 26 novembre 2019 la quarta tappa della Campagna dedicata alla sicurezza stradale e legalità

Leggi di più

Riccione 19-21 Settembre 2019

“Mettiamoci In Sicurezza”: le Polizie Locali fanno rete per La Sicurezza Stradale”. Un concorso per  premiare la concretezza operativa.

Leggi di più

Le Giornate dell'Informazione e Formazione per la sicurezza stradale e la legalità

29 giugno 2019 - PRESENTAZIONE DELLA CAMPAGNA SULLA SICUREZZA STRADALE E LA LEGALITÀ: “METTIAMOCI IN SICUREZZA” a cura del Presidente di IPS Dott.ssa Monica DI SANTE.

Leggi di più

I partecipanti

«Mettiamoci in Sicurezza» è un progetto biennale che si svilupperà su tutto il territorio nazionale, dando priorità alle province a maggior tasso di sinistrosità secondo il Regolamento Ivass n° 37 del 2018.

Si tratta di quelle province a maggior rischio di incidenti stradali (che potrebbero, dunque, coinvolgere veicoli senza copertura assicurativa), ovvero: Bari, Barletta-Andria-Trani, Benevento, Bologna, Brindisi, Caserta, Catania, Catanzaro, Crotone, Firenze, Foggia, Genova, La Spezia, Latina, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Messina, Napoli, Palermo, Pisa, Pistoia, Prato, Reggio Calabria, Rimini, Roma, Salerno, Taranto, Vibo Valentia.

 

Contatti

Dichiaro di aver letto e compreso l'informativa di cui agli artt. 13 e 14 del GDPR 2016/679 e alla normativa nazionale vigente e autorizzo il trattamento dei miei dati personali (ai sensi dell’art. 7 del GDPR 2016/679 e della normativa nazionale vigente) (Informativa sulla privacy)